Una fatwa condanna coloro che commettono molestie sessuali contro le donne. Ad emettere la sentenza, la prestigiosa istituzione dell’islam sunnita Al-Azhar, che per la prima volta decide di prendere posizione contro un fenomeno molto diffuso all’interno del mondo islamico. Secondo i dati pubblicati nel 2017 dall’Onu, in Egitto il 60% delle donne sono vittime di molestie. Tre quarti degli uomini attribuiscono la colpa di questi atti ai comportamenti delle donne e al loro abbigliamento.
 
Nel comunicato pubblicato ieri, Al-Azhar condanna gli “atti proibiti e i comportamenti deviati”. Inoltre afferma che “l’abbigliamento o l'atteggiamento delle donne non deve in alcun caso giustificare tali atti” che costituiscono un “attentato alla dignità e alla libertà delle donne”. E aggiunge: “Colui che pratica queste molestie è un peccatore”. L’istituzione islamica chiede alle autorità di “far rispettare la legge che criminalizza questi atti” e  di “punire i  colpevoli”. L’editto segue una legge adottata nel 2014 che criminalizza le molestie sessuali.
 
Il problema delle molestie è arrivato all’attenzione dell’opinione pubblica durante le proteste del 2011 che portarono alla caduta del presidente Hosni Mubarak. Alle contestazioni  in piazza Tahrir migliaia di donne furono molestate. In seguito a ciò alcuni volontari si organizzarono per proteggere le donne durante le manifestazioni.
 
 
(articolo tratto da www.asianews.it)
  

 
Salva Segnala Stampa Esci Home