“Catholic Peace Broadcasting Corporation” (CBCP), l’organizzazione mediatica ufficiale della Chiesa cattolica di Seul, celebra il 30° anniversario della sua fondazione e rilancia il suo ruolo di annuncio del Vangelo e della pace in Corea: come comunicato a Fides dall'Ufficio comunicazioni dell'Arcidiocesi di Seul, il 29 giugno, festa di san Paolo, si è celebrata a Seul una messa presieduta dal Vescovo ausiliare Benedict Hee-song Son, presidente della CPBC e Vicario generale della Arcidiocesi of Seoul, alla presenza di oltre 200 fedeli.
 
Nella sua omelia, il Vescovo Hee-song Son ha detto, "Ci affidiamo a Dio, proprio come abbiamo fatto per gli scorsi 30 anni; nella realtà di oggi Il lavoro nella comunicazione presenta molte sfide: dovremo credere più fortemente e seguire la Parola di Dio”. “Catholic Peace Broadcasting Corporation” è una rete mediatica fondata nel 1988 nell'Arcidiocesi di Seoul con l’obiettivo di “offrire la Buona Novella” ai coreani, cercando di adattarsi alle nuove tendenze di comunicazione globale.
 
È un canale multimediale dotata di una giornale, radio e TV via cavo, avviati rispettivamente nel 1990 e 1995. D'altra parte, seguendo i consigli pastorali Papa Francesco, il Cardinale Andrew Yeom Soo-jung Arcivescovo di Seoul, ha creato nell’arcidiocesi una “Commissione per le comunicazioni”, guidata dal Vescovo Benedict, Hee-song Son.
 
La Commissione si occupa di orientare la comunicazione a tutto tondo, con lo scopo di migliorare anche la comunicazione tra la Chiesa e il governo, gudando anche una casa editrice cattolica un dipartimento che cura il portale web cattolico. Nel panorama della comunicazione cattolica in Corea va notato anche il "Catholic Times of Korea", settimanale che ha appena compiuto 90 anni, essendo stato fondato da giovani laici cattolici nel 1927 - negli anni della colonizzazione giapponese - con lo scopo di "diffondere gli insegnamenti di Cristo".
 
Sostenuto dai Vescovi coreani, esso "aiuta i cattolici a guardare la società con gli occhi di Cristo", ha detto l'Arcivescovo di Daegu, Thaddeus Cho Hwan-kil, nelle celebrazioni del 90°. Il Card. Yeom ha affermato che "il Catholic Times è un pezzo di storia della Chiesa cattolica in Corea: attraverso il settimanale, i cattolici coreani hanno ascoltato la voce di Dio".
 
 
(articolo tratto da www.fides.org)
  

 
Salva Segnala Stampa Esci Home