Di fronte alle notizie drammatiche di queste ultime ore l’Assemblea degli ordinari cattolici della Terra Santa, la Conferenza episcopale che riunisce i vescovi dei diversi riti, ha diffuso [...] un appello. Lo riportiamo qui sotto [...]: 

«È fonte di grave preoccupazione apprendere che sessanta palestinesi sono stati uccisi ieri e circa tremila sono rimasti feriti nelle proteste che si sono tenute vicino al confine di Gaza con Israele.

Queste vittime – o almeno la maggior parte di loro – si sarebbero potute evitare se mezzi non letali fossero stati utilizzati dalle forze israeliane. Facciamo appello a tutte le parti coinvolte affinché rinuncino alla violenza e trovino strade per porre fine appena possibile all’assedio imposto su circa due milioni di persone che vivono nella Striscia di Gaza.

Nel frattempo, ieri, siamo stati anche testimoni dello spostamento dell’ambasciata americana nello Stato di Israele da Tel Aviv a Gerusalemme. Come abbiamo già detto in passato, qualsiasi mossa o decisione unilaterale sulla Città Santa di Gerusalemme non aiuta a far avanzare la pace tra israeliani e palestinesi, tanto attesa.

Cogliamo l’occasione per esprimere il nostro impegno in favore della posizione – espressa numerose volte dalla Santa Sede – che esprime la necessità di rendere Gerusalemme una città aperta a tutti i popoli, il cuore religioso delle tre religioni monoteiste, e di evitare misure unilaterali. Crediamo che non ci sia ragione per impedire alla Città di essere la capitale di Israele e della Palestina, ma ci si potrà giungere solo attraverso il negoziato e il rispetto reciproco.

Di fronte a questi tristi sviluppi, e mentre la Festa della Pentecoste si avvicina, chiediamo specificamente a tutte le Chiese e più in generale a tutti i popoli di elevare le proprie preghiere a Dio Onnipotente affinché porti la pace e la giustizia ai popoli della Terra Santa, del Medio Oriente e del mondo intero. Per questo invitiamo le nostre e tutte le altre Chiese e i fedeli delle altre religioni a pregare per la pace e la giustizia in Terra Santa».
 
[...] L’amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, mons. Pierbattista Pizzaballa, aveva diffuso una sua lettera in cui – ricordando come «ancora una volta siamo costretti dalle circostanze a chiedere e gridare per la giustizia e la pace» – invita a una giornata di digiuno e di preghiera per la Terra Santa che siterrà sabato 19 maggio, alla viglia della Pentecoste..

 
(articolo tratto da www.mondoemissione.it)
  

 
Salva Segnala Stampa Esci Home